Manutenzione della moto ? Una guida di base

Pubblicato il : 19 Aprile 20213 tempo di lettura minimo

Qui abbiamo alcune cose che dovreste controllare regolarmente sulla vostra moto. Presumo che tu abbia un manuale con le specifiche della tua moto, se non ce l’hai, vai a prenderne uno. Potresti essere in grado di trovare alcuni dati per la tua particolare moto in rete. Puoi anche prendere i manuali d’officina per vari modelli su eBay in formato PDF o CD per pochi soldi.

Mentre con un veicolo a quattro ruote si può essere permissivi con cose come la pressione delle gomme ecc, questo non è il caso di una moto. Non dovresti rischiare di compromettere la sicurezza e la stabilità della tua moto, per il bene di un po’ di manutenzione ordinaria.

Controllo pre-gara

Pneumatici: controlla le condizioni e la presenza di corpi estranei nel battistrada.

Pressione degli pneumatici: è di vitale importanza mantenere la pressione degli pneumatici della tua moto secondo le specifiche o molto vicino ad essa.

Livello dell’olio: controlla sempre con la moto in piano.

Livello del refrigerante: solo se la tua moto è raffreddata a liquido, ovviamente.

Catena: controlla la tensione e assicurati che sia ben lubrificata.

Freni: controlla che funzionino e che si sentano bene.

Luci: controlla tutte le tue luci, specialmente la luce dei freni, non vuoi essere tamponato, vero?

Ispezione visiva: si spiega da sola.

Tutto ok, vai sulla strada.

Controlli periodici

Controlla la batteria: controlla che le connessioni siano strette; una volta ho fatto cadere una moto a causa di una connessione della batteria allentata, strano ma vero. Controllare anche il livello dell’elettrolito su alcune batterie, un sacco di batterie più recenti sono riempite di gel, sigillate a vita, quindi non è necessario con queste.

Se la vostra moto è multi-carburante, procuratevi un Morgan carbtune o simile. Può essere un po’ difficile la prima volta che li bilanciate, ma quando l’avrete fatto una volta, la seconda volta sarà facile.

Fasatura dell’accensione – necessaria solo su alcune moto, la maggior parte dei modelli più recenti hanno l’accensione elettronica che non ha bisogno di essere toccata, normalmente.

A meno che tu non sia un bravo meccanico casalingo, portala da un concessionario.

Cuscinetti delle ruote: afferrare ogni ruota da terra e vedere se c’è qualche gioco laterale. Non ci dovrebbe essere nessuno o forse al massimo una traccia.

Cuscinetti della testa dello sterzo: con la parte anteriore sollevata da terra, afferra le forcelle e spingi e tira. Non ci dovrebbe essere alcun gioco.

Cuscinetti del forcellone: con la ruota posteriore staccata da terra, controlla se ci sono movimenti laterali nel forcellone, non ce ne devono essere.

Freni: controlla i livelli del liquido, i tubi dei freni per il deterioramento, e le pastiglie/ganasce per lo spessore.

Cavi e leve devono funzionare senza problemi. Ingrassare i punti di rotazione della leva/pedale e lubrificare i cavi, se possibile. Un oliatore per cavi è uno strumento utile.

Dadi e bulloni: fai il giro della moto con le tue chiavi e controlla che tutti i dadi/bulloni/viti siano ben stretti.

Bene, questo è tutto per quanto riguarda la manutenzione di base, ovviamente, a meno che tu non sia un buon meccanico di casa, qualsiasi lavoro più grande dovrà essere fatto da un rivenditore. Il problema può essere trovarne uno buono con meccanici esperti di cui ci si può fidare. Io riesco a mantenere la mia Yamaha Fazer 1000 dolcemente funzionante solo usando i passi elencati sopra. Aiuta il fatto che questo modello ha solo bisogno di controllare il gioco delle valvole ogni 26.000 miglia.

Plan du site